“Ma Facebook funziona per gli alberghi?”

Mi trovo di frequente a confrontarmi con hotel della Riviera Romagnola e non, e ad ogni latitudine serpeggia un interrogativo che, come viene posto a me, credo venga posto anche ai miei colleghi illustri e meno, ma che ancora lascia un dubbio atroce nella testa degli albergatori:

Ma Facebook funziona per il mio albergo ?

La categoria è da capire in quanto vengono bombardati di offerte da parte degli operatori del settore online e offline e, visto il grande numero di preventivi che riceve, non riesce a distinguere campagne serie da quelle meno serie o meglio, campagne da cui possono trarre un beneficio e quelle che non servono a nulla. Per quello che riguarda Facebbok spesso mi trovo davanti ad un cliente che mi fa vedere proposte come queste…

senza-titolo

“E’ utile acquistare più like?” A questo punto di solito cerco di fare capire se l’offerta che ha nelle mani è utile al suo hotel o meno e in questo caso specifico cerco di fare capire che acquistare i “pacchetti al Kg” non sempre (o quasi mai) porta dei benefici in quanto si acquistano dei “mi piace” di cui non si conosce provenienza e interesse e quindi 99 volte su 100 ci facciamo seguire da un pubblico a cui il nostro albergo non interessa!

Fare crescere i “mi piace” deve avvenire in maniera organica e naturale in quanto ci viene assegnato da persone che ci reputano interessanti e che seguiranno con interesse la nostra struttura e tutte le informazioni che usciranno dalla nostra pagina e chissà che poi non ce lo ritroviamo in albergo durante la prossima estate.

 

screenshot-eroesocial-com-2016-11-22-16-39-27

“Mi puoi gestire la pagina perchè non ho tempo?” In questo caso devo cercare di fare capire al cliente che è possibile gestire la pagina ma solo con la collaborazione dell’albergatore stesso in quanto, secondo me, la pagina deve riportare anche la vita di tutti i giorni dell’hotel e il vissuto delle persone che lo frequentano; seguire profili impersonali e con post inutili non serve a tenere informati coloro che hanno deciso di seguirvi, li annoiate! Secondo risvolto della medaglia: molti albergatori pensano che aggiornare i propri post sul profilo equivalga ad essere visibili sul social network ma forse non si rendono conto che senza investire su Facebook aggiorni i tuoi “amici” ma non porti a casa nemmeno un cliente nuovo!!

 

Ecco perchè vado ad analizzare una campagna Facebook fatta questa estate ad un mio cliente che mi aveva posto lo stesso quesito e che credo ora non abbia più questo dubbio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *